LA VENDEMMIA DELL’INZOLIA

Print Friendly, PDF & Email

LA VENDEMMIA DELL’INZOLIA

IL VECCHIO AUTOCTONO

Dalle radici della terra siciliana le uve dorate dell’Inzolia

Il vineyard di Dàgala Borromeo, situato nella placida campagna trapanese, è caratterizzato dalla coltivazione  di uno dei vitigni autoctoni protagonisti del rinascimento della viticoltura siciliana: l’Ansonica. Sono uve a bacca bianca che in Sicilia vengono comunemente definite Inzolia. Possono  essere vinificate in purezza o in blend  creando vini freschi dalle indubbie qualità, rese suggestive dai delicati profumi floreali. Sorseggiando lentamente questo vino dai riflessi dorati è immediata la caratteristica cromatica conferita dalle bucce e la morbida consistenza. La vendemmia dell’Inzolia è il momento in cui tutti gli elementi di madre natura si uniscono per donare una freschezza dai toni raffinati al Chiaromonte Inzolia.

LA VENDEMMIA DELL’INZOLIA A DÀGALA BORROMEO

L’Inzolia nella dimora naturale dell’agro trapanese

La vendemmia dell’Inzolia è uno dei simboli del progetto di Firriato che sposa in pieno la sostenibilità ambientale e la tradizione storica delle pratiche vitivinicole della fascia mediterranea. E’ qui a Dàgala Borromeo che l’Inzolia, nella propria dimora naturale, tra la brezza marina e le colline della Sicilia occidentale, si sviluppa rigogliosa in un crescendo di profumi che richiamano la Sicilia e le tradizioni agronomiche millenarie di questo areale . La natura argillosa del suolo e le particolari condizioni pedoclimatiche, con clima caldo ma mai torrido in estate e, con le contenute precipitazioni invernali, donano alle uve una carica aromatica persistente e intensa.

UN BIANCO DA SPOSARE

Ovvero il piacere di essere Single

E’ davvero una storia antica quella dell’Inzolia. Una storia che coincide perfettamente con il corso degli eventi enologici siciliani. Questo vitigno, caratterizzato dall’equilibrio tra acidità e morbidezza, per moltissimo tempo è stato vinificato in blend. Il Catarratto è stato tra i suoi compagni prediletti ma, è stato utilizzato anche come base per la preparazione di Vermut. Era dunque un compagno ideale che solo, in un periodo relativamente recente, ha goduto di una personale visibilità con la vinificazione in purezza. Da queste uve bianche nascono vini connotati da un’amabile freschezza che richiama piacevoli sentori mediterranei.

CONDIVIDI!

Leggi anche...