L’importanza del cambio delle Barrique

Print Friendly, PDF & Email

L'importanza del cambio delle Barrique

L’IMPORTANZA DEL LEGNO

La cura e la competenza

Le barrique sono botti piccole con una capacità di circa 225 litri di legno di quercia stagionato per un periodo che varia dai 2 ai 4 anni. Firriato utilizza due tipologie di barrique, quelle di rovere proveniente dalla Francia e quelle di rovere americano. Una ulteriore differenziazione tra barrique è determinata dal tipo di tostatura che riceve il legno. Si va da una gradazione di tostatura leggera sino ad arrivare alla tostatura intensa. Anche in questo caso la scelta della barrique avviene in funzione delle qualità organolettiche che si desidera donare ai vini. Le barrique di rovere americano sono di colore più chiaro di quelle francesi. Il legno della quercia americana dona al vino sentori tendenzialmente più resinosi mentre quello proveniente dalla Francia declina maggiormente verso profumi vanigliati.

IL CAMBIO DELLE BARRIQUE FIRRIATO

Una costante evoluzione nel rispetto della tradizione

I sentori di una barrique variano nel tempo. Al primo passaggio di vino il legno cede i suoi sentori con maggiore vigoria. Ci sono vini che per il loro uvaggio o per la personalità che ci si aspetta prediligono una barrique nuova per altri, invece, è più indicata una barrique di secondo passaggio. La vita media di una barrique è di circa tre anni e il cambio è necessario non appena il legno ha ceduto tutti i suoi sentori. Mediamente, ogni anno, Firriato sostituisce circa un terzo delle mille barrique conservate in cantina. Dopo l’analisi accurata, le barrique che dovranno essere sostituite, entrano, come quelle che le hanno precedute, nel circolo virtuoso che Firriato ha instaurato per la conservazione e prevenzione dell’ambiente trasformandole in elementi d’arredamento per i clienti più affezionati.

OGNI BARRIQUE HA UNA SUA PERSONALITÀ

Le analizziamo una ad una

Una dopo l’altra senza alcuna esclusione. Barrique dopo barrique in un lavoro sapiente e continuo. Sono le mani, gli occhi, l’olfatto dei nostri cantinieri ad essere impegnati in questa delicata attività. Uomini di raffinata professionalità e comprovata esperienza acquisita nel tempo che dedicano, le loro competenze, ai delicati processi dell’affinamento dei vini. I sentori del legno devono arrivare con calibrata precisione al vino e l’analisi delle barrique, con le loro caratteristiche e peculiarità richiede un’attenzione assoluta al disciplinare Firriato e un fermo convincimento sulle proprie capacità analitiche e sensoriali. L’analisi di ogni singola barrique richiede tempo, cura, precisione e dedizione perché i vini che custodiscono porteranno in dote la loro personalità.

CONDIVIDI!