©all copyright reserved by Firriato - 01 seppia - Perricone, il vitigno reliquia

Perricone, il vitigno reliquia

Print Friendly, PDF & Email

PERRICONE, IL VITIGNO RELIQUIA

La storia del vitigno

 

©all copyright reserved by Firriato - 01 seppia - Perricone, il vitigno reliquia

Il crepuscolo del XIX secolo è stato il periodo d’oro di quello che, oggi, è considerato un vero e proprio vitigno-reliquia: il Perricone. Nel novero dei vini del Marsala Rubino, in quanto ricco di profumi e capace di conferire quella componente tannica fondamentale per l’invecchiamento del celebre vino dolce, il Perricone deve l’abbandono della sua coltivazione a un fenomeno che ha segnato la storia della viticoltura siciliana ai primi dello scorso secolo: la piaga della filossera. Col rinascimento della Sicilia enologica, cominciato ormai diversi anni fa, si è dato slancio proprio ai vitigni-reliquia come il Perricone, diventato progressivamente simbolo di una  nuova personalità della viticoltura dell’isola.

Le difficoltà di coltivazione

 

La maturazione tardiva che caratterizza il Perricone è un fattore di rischio: l’imprevedibilità delle condizioni metereologiche possono comprometterne qualità e stato fitosanitario. Nel progetto di Terroir Autentico di Firriato, il Perricone occupa un posto di rilievo proprio perché rispecchia fedelmente le specificità pedoclimatiche delle zone in cui è impiantato, mantenendo così le caratteristiche organolettiche del suo frutto. La sua terra d’elezione è la Sicilia Occidentale, e trova infatti le condizioni ideali per il proprio sviluppo nei terreni argillosi e calcarei di Pianoro Cuddìa. La conformazione geologica della tenuta permette lo sviluppo di una pianta costituita da grappoli cilindrici o piramidali, con pigmentazioni molto intense e sensazioni olfattive complesse.

©all copyright reserved by Firriato - 02 2 - Perricone, il vitigno reliquia

Il Perricone secondo Firriato

 

©all copyright reserved by Firriato - 03 2 - Perricone, il vitigno reliquia

Il Ribeca, Perricone in purezza, è uno dei cru di Firriato che nasce nella tenuta di Pianoro Cuddìa, terra d’elezione del vitigno-reliquia. Frutto di un lavoro pluridecennale di recupero, è uno dei vini più apprezzati e premiati dell’azienda, vero e proprio culmine di percorso lungo e tortuoso ma in cui la famiglia Di Gaetano ha creduto fin dal primo istante. Suo “parente” più giovane è il Sorìa Perricone, che appartiene alla collezione Trendy, pensata proprio per quei consumatori nuovi ma già attenti alle tendenze più recenti e ai gusti più ricercati. Moderno e dalla forte identità, è perfetto per i figli dell’era digitalizzata, quei cittadini del mondo che vogliono scoprire la storia di una terra attraverso un linguaggio dal sapore contemporaneo.

CONDIVIDI!

Leggi anche...